Risposte a Domande Frequenti - LE COMPENSAZIONI

Seleziona la Categoria

FAQs - LE COMPENSAZIONI


Le comunità comprese nell’area di influenza degli impianti di smaltimento dei rifiuti hanno diritto ad ottenere 2 tipi di compensazioni: - una compensazione una tantum commisurata al valore dell’investimento – una compensazione commisurata al volume dell’attività per tutta la durata dell’impianto. La riduzione della tassa rifiuti (oggi TARES) può essere finanziata dai Comuni interessati attingendo, annualmente, dagli importi incassati dal secondo tipo di compensazione; Infatti i Comuni a cui spetta la definizione delle tariffe del servizio di igiene urbana, ogni anno assumono specifica delibera in cui possono determinare modalità ed entità delle riduzioni tariffarie a favore di specifiche categorie di utenti. 

 

La realizzazione di ogni impianto legato alla gestione del ciclo dei rifiuti, e non solo, comporta impatti e disagi che devono essere valutati e compensati con interventi destinati a migliorare la qualità ambientale del territorio e la qualità di vita dei cittadini. Le compensazioni ambientali sono pertanto rivolte a questa finalità prevalentemente mediante la messa in atto di misure concrete, quali ad esempio: interventi per il miglioramento della qualità dell’aria con il passaggio al teleriscaldamento, riduzione di fattori di impatto preesistenti, realizzazione di spazi verdi ad uso pubblico con forestazione e piantumazioni al fine di limitare l’inquinamento acustico e creare cortine visive, interventi migliorativi sul sistema viario e sul trasporto per ferrovia.  

 

Sul piano non sono individuati i singoli immobili, ma le aree urbanizzate che potranno essere utilmente collegate al sistema di teleriscaldamento alimentato dal termovalorizzatore. Si tratta in primo luogo delle parti dei comuni di Rivoli, Collegno e Grugliasco servite da una rete di teleriscaldamento già esistente alimentata dalla centrale Cento di Rivoli (costituita da turbogas e caldaie a metano) e dalle caldaie di integrazione a metano della centrale Nove a Grugliasco. Il calore prodotto in cogenerazione dal termovalorizzatore dovrebbe integrare e sostituire in buona parte quello prodotto dai suddetti impianti. Si prevede inoltre la realizzazione di una rete nella parte del Comune di Beinasco a Nord del Sangone, il cui fabbisogno termico sarà interamente fornito dal termovalorizzatore, salvo arresti dello stesso. Si prevede inoltre, in una seconda fase, il collegamento del termovalorizzatore con la rete di teleriscaldamento di Torino Sud, che potrebbe assorbire la quota restante di calore producibile in cogenerazione.

 

Il soggetto individuato nella gara per la privatizzazione di TRM spa, la società “TLR V”, ha sottoscritto il 21/12/12 con ATO-R il “Contratto per la realizzazione del sistema infrastrutturale del teleriscaldamento” fornito dall’impianto del Gerbido. Pertanto tale soggetto si occuperà sia dal punto di vista tecnico che economico  della realizzazione e gestione delle tubazioni per il passaggio del calore in uscita dal termovalorizzatore fino ai punti di connessione con le reti di teleriscaldamento urbane, ai confini con i territori dei Comuni interessati.

A valle dei punti di connessione ogni intervento sarà a carico del gestore della rete specifica.

Per quanto riguarda Grugliasco, il punto di connessione è Via Pietro Micca, dal quale parte la rete di teleriscaldamento nel territorio comunale di Grugliasco, già esistente, e collegata con Rivoli e Collegno.

Lo stesso punto di connessione potrà essere utilizzato per implementare la rete del teleriscaldamento di Torino gestita da IREN.

Per quanto riguarda Beinasco il punto di consegna è Strada Torino; a questa condotta si connetterà la rete di teleriscaldamento cittadina ancora da realizzare. Gli oneri economici per tale rete urbana verranno sostenuti dal gestore che sarà individuato dal Comune.

 

No, ogni utente potenziale sceglierà, in base alla propria convenienza e utilità, se allacciarsi o meno al teleriscaldamento. 

 

Il costo del calore da teleriscaldamento è di solito strettamente legato al costo del metano e rispetto a quest’ultimo, considerati anche i costi di gestione, il teleriscaldamento consente un risparmio del 7-10%. In ogni caso tariffe e costi di allacciamento nei casi specifici sono definiti dai contratti e dagli accordi commerciali con il gestore della rete di distribuzione. 

 

La fermata San Luigi – Orbassano della linea FM5 ed il relativo movicentro saranno accessibili attraverso la rotatoria esistente sulla SP 174 all’incrocio con la Strada San Luigi. Le opere viabili di accesso e di organizzazione del movicentro comporteranno un adeguamento geometrico e funzionale dell’infrastruttura esistente che garantirà la sicurezza e la facilità di entrata e uscita dei mezzi di trasporto pubblico e privato.

 

La linea ferroviaria FM5 è parte del Sistema Ferroviario Metropolitano che comprende 5 linee le quali, utilizzando il passante ferroviario,  serviranno una vasta area di circa 50 Km di raggio intorno a Torino. La linea FM5  collegherà Orbassano - San Luigi con Torino Stura passando per le previste fermate di Allamano e Capitol e per le stazioni di Porta Susa, Dora e Rebaudengo. Il servizio previsto sulle linee del SFM, e quindi anche sulla FM5, si infittisce nelle ore di punta, ma, allo stesso tempo, si sviluppa con regolarità nell’arco della giornata, con treni cadenzati ogni 30 minuti nelle ore di punta,  con eventuali rinforzi a 15 minuti per rispondere ai picchi di domanda, e ogni 60 minuti nelle ore di estremità. 

Per quanto concerne la Fermata San Luigi - Orbassano è prevista la realizzazione di un “Movicentro” costituito da un parcheggio per auto e moto veicoli, da una serie di stalli per la fermata degli autobus e per il servizio navetta “movicentro – ospedale”, oltre che da una piccola stazione dotata di bar, sala d’attesa e servizi passeggeri.  

 
torna all'inizio del contenuto
Il sito invia cookie di profilazione per offrirti un servizio in linea con le preferenze da te manifestate nell'ambito della navigazione in rete.
Se prosegui nella navigazione selezionando un elemento del sito, acconsenti all'uso dei cookie.